Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

SCARICARE COPIONI TEATRALI COMICI DA

Posted on Author Vudozahn Posted in Antivirus


    Contents
  1. Ci Siamo Anche Noi
  2. Menu profilo utente
  3. Cerca il tuo copione preferito
  4. gratis - I copioni di oreste de santis - Teatro per bambini

scarica gratis i copioni di Stefania De Ruvo per commedie brillanti e drammi teatrali, premiati in vari concorsi, divertenti, perfetti per la messa in scena. Scopri come scaricare Commedie Comiche, divertenti e brillanti!. Testi e copioni comici commedie teatrali prosa e musicali. Scarica e leggi i copioni brillanti e i testi comici delle commedie teatrali (Finestra 2 da sinistra). I copioni teatrali che trovi nel nostro sito sono di proprietà degli autori, sono stati reperiti online o ci sono stati inviati da utenti che come te hanno usufruito del.

Nome: copioni teatrali comici da
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 49.15 MB

Scrivo per esplorare il confine tra il comico e il tragico. Per le rappresentazioni le opere sono tutelate dalla SIAE. Le mie commedie non sostituiscono un corretto stile di vita. Testo vincitore "Una commedia in cerca d'autore" Una esilarante commedia degli equivoci, dove non ci sono né buoni né cattivi ma solo persone, tutte con le loro fragilità. Stefano rimane bloccato in aeroporto e arriva al suo matrimonio con un giorno di ritardo.

Un giorno viene in possesso di antichi manoscritti sul Mar Morto. Cristina sta per diventare ricca grazie al suo libro, e ai soldi offertigli da uno scrittore inglese che vuole scrivere un romanzo sulle sue tesi, ma Ma come fare? Qui entra in scena Gerardo D'Avincio, discendente di Leonardo Da Vinci, che si trova ad affrontare un viaggio alla ricerca del Graal, della fortuna e dell'amore.

Napoli, Giuseppe Castagnano, stimato professore di lettere, è felicemente sposato con Amalia da dieci anni e proprio durante i festeggiamenti dell'anniversario riappare Antonio, il primo marito di Amalia, disperso in Russia durante la guerra e ormai creduto morto. Dopo un tentativo di un'assurda vita coniugale a tre, la situazione fa precipitare il solido rapporto tra Peppino e Amalia. Comincia pertanto una divertente "sfida" tra i due mariti che cercano di screditarsi a vicenda al fine di convincere Amalia che l'altro marito è un fedifrago e poco di buono.

Come se non bastasse, ecco inserirsi il terzo incomodo, l'avvocato Vacchi, da sempre innamorato di Amalia. E' questo il successo che fà gola a tutti, perchè porta con la fama anche tantissimi soldi. In realtà la sua unica occupazione è quella di trovare un modo per pagare i debiti della vita dissolute che conduce. Il testo, liberamente ispirato, al celebre film "Signori si nasce", si distacca completamente da quella sceneggiatura, procedendo sulla falsariga solo della situazione paradossale che vede protagonisti due fratelli Girolamo e Pio, il primo squattrinato impresario teatrale, l'altro ricco e avaro sarto ecclesiastico, che sanno bene quanto la vita possa essere beffarda e divertirsi a stravolgere quello che la natura, equa e giusta madre, ha donato.

Questo accade nel tranquillo Parco in cui vive Lorenzo, disoccupato cronico con il problema dello sfratto e delle bollette da pagare. Sempre temendo ritorsioni, mentono e si dicono estranei a tutto. Nel frattempo due personaggi alquanto caratteristici, vengono scambiati dai coniugi per i complici dei ladri della refurtiva. Morale: chi mente spesso non è più creduto quando dice la verità. Isidoro scopre di avere solo sei mesi di vita. Decide di preparare nei minimi particolari il suo funerale e di sistemare alcune faccende con le persone invadenti da cui è circondato.

Ma qualcosa andrà male. A causa di una grave malattia diagnostica ai polmoni, Isidoro scopre di avere solo sei mesi di vita. La prima delle difficoltà che incontrano è stabilire la data del funerale, poi seguiranno difficoltà per i fiori, per il coro ecc.

Quando Cesira scopre che il marito ha solo sei mesi di vita, Isidoro scopre nello stesso tempo che le sue lastre sono state scambiate e lo comunica alla moglie. Per Cesira è tutto sistemato, per Isidoro invce è tutto come sempre. E il parroco? Morale: è facile vedere i difetti degli altri ma non i propri. Comunicare, come, con chi, ma soprattutto … comunicare? Esasperato da questo oggetto, ma non troppo, ne subisce gli effetti anche a causa della moglie Giuliana, emozionata per la conoscenza di una nuova amica tramite un gioco.

Durante tutta la commedia la donna sarà impegnata nella ricerca del fantomatico scontrino scomparso, attribuendo la sua perdita a tutti i membri della famiglia.

Ci Siamo Anche Noi

Amilcare, fratello di Aldo, e figlio di Giuditta, è single e impegnato nel tentativo di giungere in ritardo al lavoro, almeno per una volta nella sua lunga carriera. Ma i tentativi saranno vani. Nel frattempo anche Marco ha ritrovato la strada verso la realtà. La commedia termina con la definitiva dichiarazione di Marisa ad Amilcare e la pace familiare finalmente ristabilita. E lo scontrino? Il direttore di un circo, chiede al sindaco di portare il suo spettacolo nella sua cittadina.

Il tutto è disturbato, nel frattempo, dalla presenza di due ladri. Don Annibale Pistacchio, speziale di Bergamo, sta festeggiando in compagnia di parenti, il suo matrimonio con Serafina, giovane molto più di lui. A far da paciere, niente meno che Dio.

Quattro amiche sono protagoniste di divertenti e spassosi equivoci sulla fine del mondo del 21 dicembre del Il disperato desiderio di morire di Marcella viene apparentemente sostenuto da parenti e amici che in un modo o nell'altro"facilitano" i suoi tentavi. Stanca di tutti i tentavi di suicidio andati a vuoto, prende un analgesico e si addormenta sul divano.

Non sentendo rumore tutti i personaggi entrano in scena e quando vedono distesa Marcella, pensano sia morta davvero. La felicità dura ben poco perché arriva il parroco e Morale: i nostri sbagli e le nostre sofferenze ci dovrebbero aiutare a crescere e a maturare e non dovremmo arrenderci mai perché la vita ci riserva sempre tante sorprese. Il solito sabato rovinato dalla visita dei parenti. All'improvviso Emma ha un'idea brillante che costringerà tutti a vivere un sabato decisamente particolare.

In effetti i fraintendimenti saranno molteplici e impensabile la conclusione. Le sorelle Pina e Mina, amiche di Gina e Rina, entrano in casa portando con sé due buste trovate nella posta delle secode due e tutte e quattro scoprono che si tratta del censimento. Non sapendo cosa sia un censimento, le donne pensano che il governo voglia censire i loro indumenti intimi ed altro. Ritornano parroco e ciclista e gli equivoci si chiariscono. Rina, stanca di sua sorella, mette in atto un piano grazie al censimento con il quale spera di disfarsi di lei, in quanto il censimento dice che Divertenti e spassosi equivoci a non finire.

Ma compiacere le opinioni di tutti è sempre impossibile. Un Commissario di Polizia , finito suo malgrado a svolgere servizio in un piccolo paesino di provincia dove non succede mai nulla, si trova ad indagare sopra due casi stranamente collegati. La soluzione di questo avverrà Adelina sembra sparita nel nulla e in casa sua vengono trovate aaddirittura delle tracce di sangue; Maddalena denuncia la scomparsa di Gloria; il cavalier Occhipinti denuncia la scomparsa del suo antico manoscritto del Chi per un motivo, chi per un altro, tutti i familiari e tutti i frequentatori della famiglia Occhipinti risultano essere i colpevoli di questi fatti, ma La verità è semplicemente davanti a te, basta solo guardarla.

Menu profilo utente

Un Pronto Soccorso vuoto e un medico con la sua infermiera complici nel disperato tentativo di reclutare pazienti inconsapevoli di esserlo. Nel frattempo vengono ricoverate due sorelle, convinte di affidare la propria salute, oltre che al medico, anche ai propri cari. Siamo in un Pronto Soccorso alquanto anomale perchè non risultano pazienti in attesa e nemmeno pazienti ricoverati nella struttura ospedaliera.

Avrà ragione Maria perchè i figli di Carolina sono solo interessati al suo denaro e fanno in modo che Morale: fidarsi è bene, non fidarsi, talvolta, è meglio. A causa di una festa istituita dalla maestra, Gina, deve presentarsi a scuola con la nipote. Non sapendo cosa l'aspetta è preoccupata che le si facciano domande inerenti la cultura scolastica. La sorella e l'amica l'aiuteranno. Dall'omonimo racconto di Charles Perrault. Una giornalista affermata, si rende conto, ad un certo punto della sua vita, di non avere mai avuto una famiglia.

Deciderà allora di affittarla nonostante la sua indipendenza. Teresina invece, sorella di Guglielmo, confida ai due che quando lei sarà in paradiso le ultime persone che vorrà vedere saranno proprio i suoi cari perchè li avrà già visti troppo in vita. Vorrà vedere invece le persone famose della tv, ormai defunte, di cui è sempre stata ammiratrice. Teresina riesce a convincere di questo desiderio anche Guglielmo e Palmiro, il fratello di Marcellina.

Nel rientrare a casa propria, Teresina e Palmiro, rimangono vittime di un incidente stradale. Giunti in paradiso i quattro scoprono che li aspetta San Paolo e non San Pietro come tutta la gente comune crede.

Morale: non credete a tutto quello che vi mostrano o vi dicono.

Un susseguirsi di equivoci e di malintesi che avvicinano mondi e culture diverse, e non solo, fino a riconoscersi assolutamente uguali. Sabato, siamo alla stazione. Rimpiange il suo vecchio e routinario lavoro di capotreno. Ma un sabato tutto è cambiato, Torquato ricerca i soliti passeggeri ma non li trova.

Ma la vita riserva sempre incredibili sorprese. Libera rielaborazione al femminile de "Il malato immaginario" di Moliere. In Dialetto Bergamasco. Con la collaborazione di. Camillo Vittici.

Commedia senza andamento a tema continuo, dove gli attori possono interpretare più ruoli. Due fratelli devono scrivere una commedia se vogliono aprire il testamento dello zio Beniamino. La cosa non sembra gradire molto ai due e, fra ricordi e altro, riusciranno a scriverla? Libero adattamento dell'omonima commedia di Carlo Goldoni.

Cerca il tuo copione preferito

Versione anche con 8 personaggi da richiedere. Sembra un delitto impossibile, in quanto avviene nella sala regia proprio durante le riprese e nessuno dei presenti dichiara di essere salito in regia. In epoca in cui i Talent Show e i Reality imperversano, un gruppo di ragazzi si presentano per la selezione in una scuola di teatro. Ciascuno con le proprie speranze, paure e sogni, e ciascuno con una parte da far vedere Qualcuno ce la farà, qualcuno no, ma la vita va avanti, comunque. C'erano i pescatori, i mariti, i frati, i giovani, le ragazze, le donne, quelle di casa, quella che "dà il meglio di sé", quella che legge le carte e qualcos'altro, la maestra dagli occhi spenti Giacomo fa il pane e, cascasse il mondo, nulla gli potrà sconvolgere la vita E il suo mondo casca.

Siamo negli anni '60, in pieno boom economico. I cambiamenti assediano Giacomo e le sue certezze. Arrivano i supermercati, i frigoriferi, i mangiadischi La radio trasmette le urla di capelloni malvestiti ed i ragazzi confondono curiose convulsioni con il ballo. Persino in famiglia si lasciano prendere da questa insana euforia.

gratis - I copioni di oreste de santis - Teatro per bambini

Il testo descrive in maniera ironica e graffiante i vizi e le manie di un tipico imprenditore veneto, con la passione per il teatro,. Storie di orchi, storie di streghe, storie per far spaventare i bambini, si combinavano affari, si comprava e vendeva il bestiame e si combinavano matrimoni.

Prendendo spunto da alcune storie trascritte da Attilio Benetti e ispirandomi liberamente, ma molto liberamente a "Uilliam Scespir" ho messo insieme tutti gli ingredienti e ne è nato questo testo. Quattro persone si avvicinano alla croce, ciascuno per un motivo diverso, ciascuno per una richiesta diversa, ciascuno con una fede diversa. Per ciascuno ci sarà una risposta? E' una storia non di "cavalier" ma sicuramente "d'arme ed amore" che si sviluppa sullo sfondo della battaglia combattuta sul finire del dai Thienesi per la liberazione di Rovereto che voleva affrancarsi dal dominio austriaco e chiedeva l'annessione alla Serenissima Repubblica di Venezia.

La trasposizione teatrale di una delle fiabe cimbre più amate e conosciute, quella che racconta la storia di Ghertelina, fanciulla dalla voce magica che, finché cantava, teneva lontani coloro che si inoltravano nella valle con cattivi pensieri. Sul rumore del mare, dei flutti che battono fra le calli di Venezia e il vento della notte, irrompe sulla scena, calandosi dall'alto misteriosamente, Giacomo Casanova.

La scena è buia. Il clima è clandestino. È appena scappato dal carcere dei Piombi di Venezia. Autore: David Conati Genere: Commedia in dialetto veronese Personaggi: Testo modulare che si adatta a un numero variabile di attori da 8 a Azzago è una località poco distante da Verona i cui abitanti hanno fama di essere particolarmente matti.

Fama ripresa dallo scrittore Ezio Bonomi che ha riportato in un libro moltissimi episodi curiosi che hanno per protagonisti gli abitanti di Azzago. Un monologo che ha per protagonista Sugar Bing, il dritto di Chicago nato dalla fantasia di Fred Buscaglione.

Il protagonista, in un certo senso alter ego di Buscaglione stesso, è un gangster dal cuore d'oro, che ama la bella vita, il whiskey, le belle donne ma che conosce i valori dell'amicizia e della lealtà. Nel suo monologo, in tipico stile Buscaglione, ci racconta le sue avventure con i ragazzi della banda, l'Anonima Assassini, i loro colpi e le loro scorribande. Come in tutte le comunità, anche in questa, dietro al velo di apparente perbenismo, si nascondono delle inconfessabili verità e dei retroscena assurdi quanto spassosi.

Il fondatore dell'azienda Vitivinicola Cantina Miranda è scomparso in mare a bordo di un velivolo da turismo mentre era in viaggio d'affari in Centroamerica.

In assenza del marito intanto la signora Miranda prende la guida della Cantina, decisa a nominare un nuovo Amministratore Delegato a cui affidare la gestione dell'azienda, ostacolata da Ketty, la fedele segretaria del signor Austero, che non vede di buon occhio la presenza di Miranda in ufficio. È una famiglia di Orsi, più di nome che di fatto, e il cognome lo hanno ereditato dall'arzillo patriarca, ricco e furbo come non mai, abituato a fare sempre di testa sua nonostante la veneranda età.

La vicenda si svolge nella casa di campagna dell'anziano dove per il suo compleanno, cento anni, i familiari vanno in visita sperando di potersi conquistare con la buona condotta l'agognata eredità.

La vicenda prende spunto da una leggenda popolare, che vede due comuni del l'entroterra del Lago di Garda contrapporsi a causa di un pozzo, situato proprio sul confine tra i due territori. Proprio nel giorno del suo compleanno, Adriana perde tragicamente il marito ed i due figli, vittime di un incidente stradale. Dopo il dramma, al dolore per la grave perdita si aggiungono le difficoltà di un'estenuante battaglia legale. Chi ha distrutto la famiglia di Adriana è Filippo, un giovane benestante, che la mattina dell'incidente guidava ubriaco, dopo una notte brava con gli amici.

Il padre di Filippo è Marco, un noto avvocato, che si dà subito da fare, con azioni non sempre lecite, per evitare la condanna del figlio ed un esborso di denaro per gli indennizzi che potrebbe essere altissimo.

Uno strano incontro tra due donne molto diverse: Gaia Portofranco, donna alternativa, vegetariana e dedita all'ayurveda e Bianca Felicita di Roccanormanna, nobile siciliana decaduta. Gaia, alle prese con i conti da pagare, affitta una stanza a Bianca. Data la diversità tra le due protagoniste la convivenza è impossibile. Per fortuna, perché da questa convivenza impossibile nasceranno situazioni assai divertenti.

I due amici sono appena tornati da una vacanza ad Ibiza e trovano in segreteria un messaggio di Elide, la madre di Pierre, che li informa che passerà da lui esattamente la sera stessa per conoscere la sua futura nuora.

Tratto dal romanzo di Tim Parks. Uno spaccato della provincia italiana di fine anni 80, dove in un condominio eletto a microcosmo rappresentativo, la piccola comunità vive praticamente una spicciola quotidianità al limite di un paradossale assunto di a-normalità, con le abitudini, le manie, le ritualità, i vizi, le virtù tipiche degli italiani di quel periodo, viste attraverso lo sguardo ironico e disincantato di uno scrittore inglese.

Il testo si basa su un lavoro di ricerca storica che racconta la storia della città di Verona e dei suoi abitanti nel periodo che va dal al , circa cinquant'anni densi di avvenimenti, narrati attraverso la voce di Giacinto Manganotti, scrivano dell'epoca al servizio dell'Oste Valentin Alberti.

Claudio Notti, giovane investigatore privato, assieme alla sua recente fidanzata Manta, una giovane medium, organizza una cena con un gruppo di amici. Lo scopo della cena non è ben chiaro a tutti, ma a poco a poco emerge un desiderio di vendetta da parte dei commensali nei confronti di uno degli invitati: Alessio Manzon.

Egli è un brillante cardiologo nonché dongiovanni impenitente, con cui tutti hanno avuto modo di scontrarsi diverse volte in passato. Mario Bianchi è un broker assicurativo che in seguito ad una promozione è stato trasferito nella prestigiosa sede di New York. È il mattino dell'11 settembre quando Mario prende servizio nel suo nuovo ufficio e la realtà improvvisamente si trasforma in modo quasi surreale. La vicenda ruota attorno all'indagine per il furto di una vecchia cintura con la fibbia d'argento, il cui ritrovamento avverrà per merito di Elvira, la strega, cui si sono rivolti gli abitanti del paese, ingiustamente incolpati dal proprietario del monile.

Tutti fuggiamo da qualcosa, da noi stessi, dai nostri difetti, dalla nostra routine quotidiana, da chi ci perseguita.


Articoli popolari: