Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

DA MEGAUPLOAD CHIUSO SCARICA

Posted on Author Molkis Posted in Autisti


    Megaupload chiuso? delegato di DB, che si basa su un client da scaricare sul Pc che invia files al proprio spazio di stoccaggio online. Creato da, Kim Dotcom. Lancio, 21 marzo Stato attuale, chiuso. Modifica dati su Wikidata · Manuale. Megaupload è stato un sito web di file hosting internazionale, di proprietà di Da dicembre , il tempo di attesa prima di poter scaricare un file era stato ridotto a 10 s per gli utenti non registrati, mentre nel gennaio. I procuratori federali della Virginia hanno chiuso i battenti ad uno dei più L'​intento di nascondere l'attività fraudolenta da parte di Megaupload è il contenuto originale, così da permettere a milioni di utenti di scaricare. 3 software per scaricare liberamente da MegaUpload e RapidShare Servizi di hosting come MegaUpload o RapidShare permettono, infatti, di scaricare ad alta Chiuso Megaupload, le migliori alternative offerte dal web.

    Nome: da megaupload chiuso
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 14.68 Megabytes

    Funzionamento[ modifica modifica wikitesto ] Il servizio era disponibile gratuitamente per caricare file fino a 2 GB e scaricare file non più grandi di 1 GB. A chi si registrava gratuitamente era offerto uno spazio di GB. Gli utenti premium avevano uno spazio di archiviazione illimitato.

    Dopo un caricamento avvenuto con successo, all'utente era dato un URL univoco tramite il quale era possibile scaricare il file. Tempo di attesa per scaricare file[ modifica modifica wikitesto ] Il tempo di attesa prima di poter scaricare il file richiesto era di 45 s per gli utenti non registrati, 25 s per gli utenti registrati gratuitamente, mentre era immediato per gli utenti premium.

    Da dicembre , il tempo di attesa prima di poter scaricare un file era stato ridotto a 10 s per gli utenti non registrati, mentre nel gennaio , il download era divenuto immediato.

    Dopo un caricamento avvenuto con successo, all'utente era dato un URL univoco tramite il quale era possibile scaricare il file.

    Tempo di attesa per scaricare file[ modifica modifica wikitesto ] Il tempo di attesa prima di poter scaricare il file richiesto era di 45 s per gli utenti non registrati, 25 s per gli utenti registrati gratuitamente, mentre era immediato per gli utenti premium. Da dicembre , il tempo di attesa prima di poter scaricare un file era stato ridotto a 10 s per gli utenti non registrati, mentre nel gennaio , il download era divenuto immediato. Criteri di eliminazione dei file[ modifica modifica wikitesto ] Ogni file caricato anonimamente era eliminato dopo 20 giorni di inattività, per gli utenti registrati gratuitamente esso era conservato per due anni, mentre per gli utenti premium non vi erano limitazioni di tempo.

    Controllo dei file duplicati[ modifica modifica wikitesto ] Megaupload utilizzava l'algoritmo MD5 onde evitare la presenza di file duplicati. Controversie[ modifica modifica wikitesto ] L'avviso apposto dall' FBI sul sito dopo la chiusura Il 19 gennaio , il sito è stato sequestrato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d'America per violazione di copyright e pirateria.

    Non si sono fatte attendere le reazioni.

    Con un messaggio su Twitter , il gruppo di hacker Anonymous ha rivendicato quello che ha definito il maggior attacco online contro siti federali USA in rappresaglia per la chiusura di Megaupload: un Denial of service una tempesta di richieste di accesso ad alcuni siti causandone il blocco a cui hanno partecipato hacker, i quali hanno anche preso di mira molti siti istituzionali americani estranei all'ambito, compresi quelli della Casa Bianca e dell' FBI.

    Prima di tutto gode di un certo appoggio da parte di alcune celebrità della musica e del cinema che teoricamente dovrebbero figurare tra i soggetti danneggiati dalla sua esistenza come Kim Kardashian e Alicia Keys. E poi il suo fondatore è una specie di primula rossa del web, un hacker tedesco che ha almeno tre o quattro nomi e, secondo Wikipedia, ha già avuto in passato guai con la giustizia, anche per reati ben poco romantici tipo truffa con le carte di credito e insider trading.

    Se l'industria di contenuti vuole trarre vantaggio dalla nostra popolarità, saremo felici di intavolare un dialogo. Abbiamo alcune buone idee in proposito. L'invito, per ora, non sembra essere stato accolto.


    Articoli popolari: