Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

SCARICARE UNI 11224


    Manutenzione e controllo dei sistemi rivelazione incendi Cosa cambia con la nuova UNI Milano, 12 settembre Norma UNI Il Documento con Schede di controllo allegate previste dalla norma UNI ​, descrive le procedure per il controllo iniziale. Norma numero: UNI Titolo: Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi. ICS: []. Stato: RITIRATA CON. Lo scorso 5 Settembre l'Ente Nazionale di Normazione ha pubblicato la nuova edizione della norma UNI sulla manutenzione e il.

    Nome: uni 11224
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 21.19 MB

    Scopo delle attività di manutenzione è la verifica della funzionalità degli impianti e non della loro efficacia, per la quale si rimanda alla UNI È, infatti, possibile progettare varie tipologie di impianti caratterizzati da differenti dispositivi adottati, configurazione e cablaggi.

    È fondamentale quindi rivolgersi a dei professionisti del settore, in grado di assolvere tutti i compiti prescritti dalla normativa e dai Vigili del Fuoco. Security Center è specializzata nella progettazione, installazione e manutenzione di impianti di rivelazione incendio per la protezione di pubbliche amministrazioni, scuole, strutture sanitarie, realtà industriali, commerciali e bancarie, hotel e parcheggi.

    Security Center dispone al proprio interno delle necessarie risorse qualificate per la certificazione dei sistemi da essa studiati e realizzati, nonché del personale tecnico specializzato per assicurare la conduzione in manutenzione dei sistemi secondo la norma UNI , che descrive le procedure per il controllo iniziale, la sorveglianza e il controllo periodico, la manutenzione e la verifica generale dei sistemi di rivelazione automatica di incendio.

    Manutenzione straordinaria Registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione.

    Svago elettrotecnico

    Alla data di pubblicazione della presente norma è in vigore il Decreto Legislativo n. Alla data di pubblicazione della presente norma è in vigore il Decreto Ministeriale del 10 marzo in particolare vedere punto 6.

    Licenza d'uso interno su postazione singola. Riproduzione vietata.

    È proibito qualsiasi utilizzo in rete LAN, internet, ecc. In ogni caso, verificare che le segnalazioni e le eventuali attivazioni comandate dal sistema di protezione non determinino condizioni di pericolo per le persone o vadano a causare azioni indesiderate o in grado di produrre danno alle cose.

    Assicurarsi che tutte le persone che possono essere raggiunte dalle segnalazioni ottiche ed acustiche siano state preventivamente informate; eventualmente concordare con il responsabile della sicurezza competente le opportune contromisure necessarie ad evitare condizioni che potrebbero creare panico e disagio nelle persone che operano nelle zone interessate.

    Verificare le condizioni di pulizia delle apparecchiature; tali condizioni devono essere assicurate anche dopo il termine di esecuzione delle prove. In ogni caso, verificare che le segnalazioni e le eventuali attivazioni comandate dal sistema di protezione non determinino condizioni di pericolo per le persone o vadano a causare azioni indesiderate o che potrebbero produrre danno alle cose. In caso di sistemi adibiti al comando di sistemi attivi di protezione, quali per esempio comandi di estinzione a gas, mettere in atto misure tali da impedire che, durante le manovre, i dispositivi di comando vengano attivati in modo accidentale.

    In ogni caso, prima di iniziare ad operare è necessario chiedere, ed ottenere, dal responsabile della sicurezza competente informazioni circa i rischi presenti in ambiente e le misure di sicurezza da adottare secondo quanto previsto dalla legislazione vigente5.

    In ogni caso, per i sistemi ubicati in luoghi con pericolo di esplosione diversi dalle miniere , devono essere seguite le indicazioni della CEI EN Manutenzione ordinaria Registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione.

    Manutenzione straordinaria Registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione. Sono comunque raccomandati al minimo un multimetro e, nel caso di sistemi comunicanti in modo seriale, un oscilloscopio od un analizzatore in grado di visualizzare la qualità della comunicazione seriale. Avendo caratteristiche differenti, soprattutto in relazione al tubo di campionamento, i procedimenti di prova devono fare riferimento anche alle normative pertinenti nonché alle eventuali indicazioni del progettista.

    Prima di passare alla fase esecutiva delle prove, si deve eseguire un controllo preliminare che è costituito da una verifica visiva del sistema6. La verifica visiva è una parte molto importante e deve essere effettuata su tutti gli impianti; generalmente un impianto esteticamente ben eseguito è un impianto che denota una cura costruttiva che sarà in grado di favorire una buona affidabilità e gli interventi successivi.

    Questa deve prevedere un controllo visivo atto a verificare che le apparecchiature siano in condizioni operative ordinarie e non presentino danni visibili.

    Riflessioni sulle manutenzioni Riflessioni sulle manutenzioni norma ...

    Prima di passare alla fase esecutiva delle prove, occorre controllare la presenza dei documenti riguardanti il controllo iniziale. Nel caso in cui manchino i documenti sopra elencati è necessaria la rieffettuazione di quanto previsto nel punto 8. La verifica generale del sistema deve iniziare con l'effettuazione dei due controlli seguenti: - accertamento della disponibilità di parti di ricambio identiche o compatibili con quelle installate; in caso di indisponibilità delle stesse il sistema deve essere considerato non più assoggettabile a manutenzione in caso di successivo guasto.

    Questo fatto deve essere immediatamente segnalato al responsabile del sistema.

    In caso di intervenute modifiche sostanziali all'impianto è necessario acquisire la documentazione tecnica di progetto della nuova configurazione del sistema "As built". Al completamento di ogni ciclo di dodici anni di manutenzione calcolati dalla consegna formale del sistema , i rivelatori automatici di fumo comprendenti i puntiformi, i lineari e quelli ad aspirazione e di fiamma sia indirizzati che convenzionali vanno sottoposti a una delle seguenti opzioni:.

    La prova reale per ciascun rivelatore deve essere effettuata secondo ii punto 8. In taluni casi si possono utilizzare apparati di generazione fumo caldo atossico posizionati a pavimento per ambienti ove la prova come indicato sopra possa essere considerata impossibile o gravosa.


    Articoli popolari: