Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

MIRC UBUNTU SCARICA

Posted on Author Megul Posted in Multimedia


    Uno dei miei articoli più letti, è l'uso di mIRC per scaricare file dalla rete IRC; quando ci troviamo sotto Ubuntu/Linux, possiamo invece usare. Per scaricare il PoWeR-Script su mIRC versione kurdistanonline.net: Formato zip La versione mIRC kurdistanonline.net e la versione AdiIRC kurdistanonline.net è compatibile anche su Mac/Linux. Allora io sto cercando mirc non come chat ma come programa per scaricare film musica ecc e che vada ovviamente su ubuntu. puoi darmi una. kurdistanonline.net › irc-clients-linux.

    Nome: mirc ubuntu
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 71.27 Megabytes

    Questo è uno dei metodi per il download di grossi file tra i più antichi su internet e si basa su dei client, il cui utilizzo primario, è la chat tra più persone. Anche i file che si trovano sono tantissimi, tanti illegali e protetti da copyright…proprio quello che fa per noi!

    Chattare su IRC per scaricare file significa sostanzialmente entrare in stanze di conversazione particolari in cui alcuni dei contatti sono finti i bot e sono i file stessi da scaricare.

    Questi file che possono essere video, programmi o album musicali, hanno dei nomi strani, irriconoscibili, del tipo FNS , FNS e cosi via. Per scaricare uno di questi file basta inviare al bot un comando sotto forma di messaggio privato.

    Il Download avviene tramite il protocollo XDCC Riepilogando quindi le operazioni da effettuare sono quattro: trovare il server di sharing irc in cui entrare, trovare la stanza o, meglio, il canale dentro cui ci sono i bot, riconoscere che il bot FNS presente tra i contatti è il video che si vuole scaricare ed inviargli un messaggio privato. Allora, se ad esempio si vuole scaricare un video, si inserisce il nome sulla barra di ricerca e vengono fuori tanti risultati.

    Questo è uno dei metodi per il download di grossi file tra i più antichi su internet e si basa su dei client, il cui utilizzo primario, è la chat tra più persone. Anche i file che si trovano sono tantissimi, tanti illegali e protetti da copyright…proprio quello che fa per noi! Chattare su IRC per scaricare file significa sostanzialmente entrare in stanze di conversazione particolari in cui alcuni dei contatti sono finti i bot e sono i file stessi da scaricare.

    Questi file che possono essere video, programmi o album musicali, hanno dei nomi strani, irriconoscibili, del tipo FNS , FNS e cosi via. Per scaricare uno di questi file basta inviare al bot un comando sotto forma di messaggio privato. Il Download avviene tramite il protocollo XDCC Riepilogando quindi le operazioni da effettuare sono quattro: trovare il server di sharing irc in cui entrare, trovare la stanza o, meglio, il canale dentro cui ci sono i bot, riconoscere che il bot FNS presente tra i contatti è il video che si vuole scaricare ed inviargli un messaggio privato.

    Allora, se ad esempio si vuole scaricare un video, si inserisce il nome sulla barra di ricerca e vengono fuori tanti risultati. Mettendosi con il cursore del mouse su uno dei risultati, apparirà un pop-up con diversi parametri incomprensibili. Sostanzialmente il popup dice le 4 cose che è necessario sapere per scaricare il file ossia: il server network , il canale channel , il nome del bot il contatto finto e la sintassi precisa del messaggio da inviare al bot.

    LOG Cambiamenti: Quando si aggiorna lo script anzi, io consiglio di farlo prima, leggendo quello ON-LINE aggiornato è indispensabile sapere cosa è cambiato e la lista dei cambiamenti va sicuramente letta. Preferenze: Attraverso questo menu è possibile determinare tutti i parametri esecutivi del plugin. Quando si varia un parametro, questo è effettivo solo fino alla chiusura di XChat.

    Se si desidera renderlo permanente, va salvato. Carica Configurazione Salvata: Se è presente una configurazione su disco, questa viene caricata sovrascrivendo quella attiva.

    Di norma il plugin è in grado di caricare file di configurazione salvati con versioni precedenti. All'avvio di XChat, la configurazione su disco viene sempre caricata, sovrascrivendo quella di default.

    Salva Configurazione Attiva: E' l'unico modo per rendere permanente una configurazione. Mostra Configurazione Attiva: Consente di avere una panoramica di tutti i parametri dello script e del loro valore corrente. Azzera e mostra Configurazione Attiva: Imposta tutti i parametri ai "valori di fabbrica" e ne mostra una panoramica; l'eventuale configurazione su disco non viene modificata quindi, se non si salva, alla chiusura di XChat la configurazione attiva sarà persa e al ri-avvio sarà caricata quella eventualmente su disco.

    Gestione Menu Programmi Esterni: Consente di stabilire, nel caso in cui lo script individui dei programmi esterni per i quali sono previsti comandi personalizzati di gestione, quali menu devono essere aggiunti.

    Tab Server

    In questo modo è possibile togliere i menu aggiuntivi che non sono desiderati. Su suggerimento di alcuni utenti è stato creato questo comando che disabilita di colpo tutto quello che normalmente "infastidisce", dando all'utente la possibilità di attivare singolarmente quello che si desidera.

    Oltre a sottolineare che l'esecuzione di questo comando comporta che il menu Preferenze non sarà più necessariamente allineato con la sessione corrente e che, se si vuole rendere permanente la configurazione, questa va salvata, è importante porre attenzione al fatto che, in questo modo, vengono inibiti alcuni messaggi che possono aiutare l'utente a capire "il perchè" di certi comportamenti od eventuali anomalie e che quindi sarebbe opportuno evitarlo, in favore di una disabilitazione manuale e consapevole di ogni singolo aspetto che si vuole inibire.

    Avvisi Acustici: Per avvertire l'utente il plugin si avvale di alcuni avvisi acustici variano anche a seconda del contesto ; se non si desidera riceverli, questo menu ne consente la disabilitazione.

    Clone Count Inoltre influisce anche per determinare quante occorrenze di un medesimo dominio devono essere intercettate prima che questi sia considerato come "host virtuale" e quindi non reale. Gli "host virtuali" sono domini che non corrispondono al vero indirizzo IP dell'utente e quindi vanificano il Clone Detector. Più il limite è elevato, tanti più domini uguali saranno necessari per stabilire che si tratta di uno virtuale.

    Clone Detector: Il Clone Detector è lo strumento che consente di verificare se due o più utenti condividono il medesimo indirizzo IP e quindi, teoricamente, potrebbero anche essere la medesima persona. In genere i "cloni" sono un qualcosa di sgradito su IRC, ecco il perchè di questa funzionalità. Destinazione Messaggi Avvertimento in Finestra Attiva: Quando il plugin emette un messaggio testuale in base al verificarsi di una qualche condizione monitorata, ha la possibilità di mandarlo in 2 posti diversi: nella finestra corrente o in quella dove effettivamente si è verificato l'evento.

    Questo comando consente di stabilire dove si vuole inviare i messaggi. Messaggi di Errore: In alcune occasino il plugin deve emettere messaggi di errore o di avvertimento. Non è buono disabilitarli, ma se proprio danno fastidio, questo comando consente di farlo.

    Il text-flood in entrata quello generato dagli altri utenti , se abilitato, genera anche l'Evento relativo gestibile quindi dalle sentinelle. Ad esempio è possibile censurare tutto quello che viene scritto da un determinato nickname o tutte le frasi contenenti determinate parole.

    In questo caso per "censura" si intende che è come se il messaggio non sia ricevuto dal server quindi nè XChat, nè BuDuScRiPt potranno ulteriormente elaborarlo. Una funzionalità interessante offerta dal filtro consiste nella possibilità di rimuovere i colori; in questo modo è possibile leggere senza "spaccarsi gli occhi" anche in quei canali dove l'uso della formattazione testo è molto pesante.

    Quindi: usare il filtro meno possibile o comunque per casi molto specifici.

    Che agisce su un mix delle due precedenti tipologie. Partendo per gradi, possiamo analizzare una riga di esempio come questa: irc. Poi abbiamo: miocanale, che rappresenta un filtro che agisce sull'intero canale " miocanale"; vale il medesimo discorso fatto per il network, con la differenza che è limitato ad un canale.

    Come scaricare da mIRC: la guida completa

    Poi abbiamo: BuDuS, che rappresenta un filtro che agisce sul nickname "BuDuS"; tutto quello che farà questo utente sarà sistematicamente censurato. Infine il più completo: irc. Notare che, in tutti gli esempi, i vari parametri sono separati da una virgola ",", indispensabile per non ottenere "un comportamente inaspettato". Anzichè censurare, potremmo volere semplicemente rimuovere i colori; valgono le cose dette precedentemente, si deve solo aggiungere il comando "removecolors ", ad esempio: irc.

    In questo caso è sufficiente specificare la frase che si desidera proibire, ad esempio: parolaccia Chiunque scriva qualcosa che contiene la parola "parolaccia", verrà censurato. Intendiamoci: Solo i messaggi che soddisfano il filtro vengono eliminati; in altri termini, se un utente viene "parzialmente censurato" ad esempio solo su frasi specifiche , solo quello che combacia con il filtro subisce intervento. Il codice ".

    Away Postfix Postfisso da aggiungere al nickname : Quando l'utente locale va in stato di AWAY è possibile rinominare in automatico il nickname, in modo che sia evidente lo stato di assenza anche per quegli utenti che, poco ferrati di IRC, non si accorgono dello status; il nickname originale viene automaticamente ripristinato facendo il BACK. Impostando un valore nullo, il postfisso applicato al Nickname non viene messo, disabilitando questa funzione. Colori nei messaggi BuDuScRiPt: Se i colori sono sgraditi, attraverso questo comando, è possibile inibirli nelle funzioni decorative che, invece, ne fanno largo uso.

    Comando del PIPE Comando Identificazione Imposta la lingua da utilizzare : E' possibile cambiare la lingua con il quale il plugin emette i messaggi. Modalita' Debug: Se abilitata, consente di registrare su un apposito file di log budus.

    Questo modo di operare è stato utile per ottimizzare il plugin nei primi anni di vita il parser ha richiesto molto lavoro per lavorare in modo stabile ma, attualmente, è diventato abbastanza inutile, perchè si preferisce la "Modalità di Debug Avanzata", da attivarsi solo dietro consiglio dell'autore ex: quando si chiede supporto on-line per un problema.

    Log: Il plugin consente di salvare le informazioni ricevute dal Server IRC in files di log suddivisi per Network - il nome del file corrisponde al nome del network - e formattati in modo che sia relativamente semplice estrapolare informazioni.

    Postfisso Per i messaggi in uscita : Consente di aggiungere un postfisso - da inserire nell'apposita finestra di dialogo che appare - a tutti i messaggi che si vanno a scrivere. Prefisso Per i messaggi in uscita : Consente di aggiungere un prefisso - da inserire nell'apposita finestra di dialogo che appare - a tutti i messaggi che si vanno a scrivere.

    Per tale motivo se ne sconsiglia l'uso. Gli utenti che non risultano in questa doppia lista, nel momento in cui contattano l'utente locale, fanno in modo che il plugin chieda a quest'ultimo, attraverso una finestra di dialogo, se desidera: Abilitare, Abilitare in modo permanente, Negare, Negare in modo permanente.

    Questa richiesta rimane attiva un certo numero di secondi configurabile , prima di chiudersi automaticamente e negare all'autore del messaggio la possibilità di contattare privatamente ed invitandolo a farlo pubblicamente. Avanzate: E' un sotto-menu che consente di modificare i comportamente più interni del plugin. Dato che si tratta di parametri che possono comportare un funzionamento anomalo del plugin, vanno usate solo dietro consiglio di un utente esperto.

    Cerca su Internet Twitter: Il menu consente di gestire le funzionalità dedicate al famoso Social Network Twitter.

    Installare o Aggiornare Xchat 2.8.8 su Ubuntu Lucid e Karmic

    Cambia il TOPIC mantenendo i colori: Tramite questo comando viene inserito nel prompt di XChat un comando che consente di variare il Topic del Canale mantenendo inalterati i codici di formattazione colori, bold, sottolineato, ecc Join Monitoring - Monitoraggio Utenti che entrano nel Canale corrente: Consente di monitorare i JOIN effettuati in un determinato canale, venendo avvisati con un messaggio e acusticamente.

    Modify Monitoring - Monitoraggio frasi scritte nel Canale corrente: Consente di monitorare quando, in un determinato canale, viene scritto qualcosa, venendo avvisati con messaggio e acusticamente. Word Monitoring


    Articoli popolari: