Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

SCARICA MODELLO MAD ATA DA

Posted on Author Zoloramar Posted in Rete


    Scarica in formato word o pdf il modello da compilare della messa a Scarica il modello per il personale ATA in formato Word oppure invia la tua MAD ONLINE. Modello MAD in Pdf e Doc da Scaricare Gratis di domanda MAD valido sia per i docenti che per il Personale ATA, il Modello è disponibile in. Lavorare nella Scuola con la MAD (Messa a Disposizione) per Docenti e Ata Il Modello MAD è il Modulo di Messa a Disposizione che gli aspiranti docenti possono Supplenze con MAD ecco le novità introdotte dal Miur (Circolare). Clicca qui per scaricare il Fac-Simile da compilare e inviare alla scuola per la quale ci si candida per la supplenza. Compila e allega alla MAD un CV Curriculum.

    Nome: modello mad ata da
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 53.17 MB

    Pubblicato: 02 Febbraio Visite: La messa a disposizione MAD è un'istanza informale che permette di dichiarare la propria disponibilità per svolgere supplenze. Le MAD vengono prese in considerazione solo nel caso in cui nelle graduatorie interne della scuola non siano stati trovati aspiranti disponibili. Diverse scuole scelgono prima aspiranti docenti che abitano nelle vicinanze della scuola, oppure che hanno già esperienze di insegnamento pregresse, oppure che hanno un buon voto di laurea e altri titoli.

    In alternativa potete crearne uno personalizzato. La domanda va intestata al Dirigente Scolastico dell'Istituto a cui si sta inviando la domanda. Come oggetto inserire "Domanda di messa a disposizione per supplenze di docente". Il documento va datato e firmato.

    Seguendo questo ragionamento, molte delle cattedre attualmente scoperte si trovano al nord Italia. La maggior parte di queste sono per il sostegno e sono nei paesi più piccoli e nelle scuole di provincia.

    Una buona idea potrebbe essere inviare la domanda anche in scuole che si conoscono bene, in modo da sapere la disponibilità di posti. Anche la classe di concorso per cui ci si propone avrà un certo peso sulle possibilità di essere o meno chiamati dalla scuola. Ad esempio per una materia come matematica per la scuola secondaria di primo grado scuola media la richiesta è piuttosto alta.

    MAD – MESSA A DISPOSIZIONE – SCARICA GRATIS IL MODELLO

    La ragione è che, come conferma il MIUR, il numero di iscritti alle graduatorie non è sufficiente per soddisfare il fabbisogno di questa categoria di docenti. Anche spagnolo, inglese e tecnologia sono nella stessa situazione. Per gli aspiranti insegnanti di queste materie le possibilità di essere chiamati saranno più alte. La domanda di messa a disposizione va compilata con la massima cura e attenzione.

    Download modelli

    Vediamo quindi a cosa fare attenzione e come inviarla. Domanda di messa a disposizione: come inviarla? Si tratta, quindi, di una segnalazione informale, ma è importante non sbagliare facendola.

    Se questa è la soluzione scelta è necessario tenere bene a mente una cosa. Precisiamo nuovamente che la domanda di messa a disposizione è una candidatura spontanea che i futuri professori, o ATA, inviano alle scuole nella speranza di essere chiamati per sostituzioni, supplenze di breve durata e corsi di recupero. Spesso infatti gli istituti si trovano in difficoltà per la mancanza di personale e cercano di sopperire attingendo con coloro che si sono proposti mediante messa a disposizione.

    Tutte le risposte alle vostre domande e ai vostri dubbi le potrete trovare di seguito, in modo da inviare la vostra messa a disposizione in modo corretto. Dove conviene inviarla? Solo nel caso in cui dallo scorrimento delle varie graduatorie non si riesca ad assumere - con contratto a tempo determinato - tanti supplenti quanti sono i posti vacanti i dirigenti scolastici potranno chiamare un docente che ha presentato la domanda di messa a disposizione.

    Lo stesso discorso vale per gli insegnanti di tecnologia, spagnolo e inglese. Ad essere scoperte, quindi, sono molte cattedre nel Nord Italia la maggior parte per il sostegno , specialmente nei piccoli paesi e nelle scuole di provincia. In questo caso inviare una domanda di messa a disposizione - trovate il Fac Simile e le istruzioni per compilarla di seguito - è consigliato mentre al Sud rischia di essere una perdita di tempo; ma non rinunciate perché provare non costa nulla.

    Messa a disposizione: modello 2018/2019

    Come inviare la domanda La MAD, messa a disposizione, è un modo, previsto dalle normative scolastiche, per proporsi come insegnanti e personale ATA per supplenze e altri tipi di incarichi.

    La richiesta è in verità un semplice mezzo di segnalazione informale, ma sono comunque necessari degli accorgimenti ben precisi per evitare di sbagliare. La domanda di Messa a disposizione deve infatti essere redatta in modo formale e contenere i dati importanti del docente.

    Questo tipo di segnalazione deve avvenire mediante indirizzo di posta certificata. La domanda dovrà essere inviata alla sede dove è presente il dirigente scolastico, che la prenderà in esame in caso fossero presenti posti vacanti, e non alle sedi succursali o distaccate.

    Tuttavia è bene essere informati sulla questione, perché altrimenti si rischia di non essere chiamati per ricoprire una supplenza a causa di un piccolo errore. Come scrivere la richiesta Sebbene la segnalazione sia informale si deve comunque rispettare un certo rigore.

    In questo modo potrete far vedere la vostra professionalità e dare una buona impressione al dirigente scolastico. Indicate con precisione i vostri dati anagrafici, i titoli conseguiti e le esperienze che avete avuto nel settore scolastico.

    Questo aiuterà la vostra candidatura. Allegate alla domanda di messa a disposizione un breve un curriculum e certificazioni che possano comprovare la veridicità di quanto affermate. Per essere certi di evitare errori di seguito potete trovare un modello di MAD che potete allegare per inviare alle scuole.


    Articoli popolari: