Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

MODULI PYTHON SCARICA

Posted on Author Mezilkree Posted in Sistema


    Contents
  1. I moduli in Python
  2. Moduli Python aggiuntivi
  3. Scarica di moduli Python 3
  4. Il Python Package Index e pip

Create un modulo Python vuoto (supponiamo, d:/my_scripts/kurdistanonline.net), e Windows invece non ha un compilatore di default, e quindi Pip scarica. Nella lezione sui moduli abbiamo accennato brevemente alla possibilità di Chiunque può scaricare package esistenti o condividere nuovi. Questa pagina elenca alcuni moduli Python aggiuntivi o altre parti di . Nel frattempo, è possibile scaricare uno dei pacchetti che abbiamo. Introduzione e versioni di Python. • Sintassi ed istruzioni di base. • Moduli. • Package Per Windows e Mac, scaricare la distribuzione più recente di. Python dal.

Nome: moduli python
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 44.54 MB

Claudio Garau In Python un modulo è essenzialmente un file che contiene del codice scritto in questo linguaggio. I moduli sono caratterizzati dall'estensione ". Lo scopo dei moduli è duplice: essi contengono istruzioni e definizioni che possono essere riutilizzate quante volte si vuole senza la necessità di doverle riscrivere, basterà "importare" i moduli dove necessari; inoltre, si rivelano particolarmente comodi per gestire facilmente grandi quantità di codice.

Creazione di un modulo La procedura di creazione di un modulo si riassume nella scrittura del codice che esso è destinato a contenere e nel salvataggio del file con estensione ". Continua dopo la pubblicità Importazione di un modulo Per importare un modulo si deve utilizzare la keyword import seguita dal nome del modulo e non da quello del file che lo rappresenta, quindi omettendo l'estensione ".

Il nome è un acronimo ricorsivo, che significa Pip Installs Packages. Per verificare se questo tool è già installato, possiamo eseguire il comando python3 -m pip -V o semplicemente pip3 -V dal terminale. Se pip è già installato, questo comando ci mostrerà la versione installata.

Se, invece, non abbiamo installato pip, possiamo rimediare semplicemente scaricando ed eseguendo con Python lo script get-pip. Aggiornare pip È anche consigliato verificare che la versione di pip sia sempre aggiornata.

Per aggiornarlo, possiamo usare il comando python3 -m pip install -U pip, o più semplicemente pip install -U pip. Quando usate Pip per installare pacchetti, Pip si collega a PyPI, cerca e scarica il pacchetto richiesto.

Per questo, avete naturalmente bisogno che la vostra shell abbia accesso a internet. Questo potrebbe non essere vero in caso di connessioni aziendali bloccate da un firewall, per esempio. Pip ha una opzione per specificare indirizzo e password di un server proxy, se è questo il vostro problema. In ogni caso, spesso non avete a disposizione le informazioni necessarie.

Naturalmente ci sono soluzioni Per quanto riguarda Pip, in ogni caso, la soluzione è semplice: se non potete connettervi direttamente a internet dalla shell, nulla vieta di cercare voi stessi manualmente il pacchetto che vi serve su PyPI, scaricarlo con il browser e installarlo localmente vedremo tra poco che Pip è in grado di installare pacchetti anche da file locali.

In ogni caso, questa guida assume che la vostra shell possa connettersi regolarmente a internet. Se, durante l'uso, Pip si lamenta di non essere aggiornato, potete eventualmente provvedere. Installato Python, e verificato che Pip esiste, in teoria potete cominciare a installare pacchetti Python.

Tuttavia, in pratica è molto sconsigliato installare pacchetti "globalmente", ovvero nell'installazione Python "di base" del vostro sistema. La cosa giusta da fare è invece creare prima un "virtual environment" per brevità "venv", d'ora in poi.

Potrebbe piacerti:MP3 GORILLAZ SCARICA

Un venv è una installazione "isolata" di Python, creata a partire dal Python "globale" che avete già installato. In concreto, è una directory separata in cui si copiano i file necessari all'esecuzione di Python e della sua libreria standard: successivamente, è possibile installare con Pip i pacchetti direttamente nel venv ovvero, nella directory I vantaggi dei venv sono molteplici: permettono di non inquinare l'installazione di Python con dozzine di pacchetti che magari servono solo a un progetto particolare; permettono soprattutto di tenere sotto stretto controllo i pacchetti che servono all'esecuzione di un determinato progetto le sue "dependencies", come si chiamano.

Quando un venv non serve più, semplicemente lo si cancella; se sbagliate a installare qualcosa, o non siete sicuri di aver fatto la cosa giusta, potete buttar via il venv e ricominciare daccapo; etc.

I moduli in Python

La strategia abituale è quella di creare un venv separato per ciascun nuovo progetto. Potete naturalmente creare un venv di servizio generico da usare per gli script "veloci", i progettini, gli esperimenti.

Ma non appena un progetto cresce, e ha bisogno di "dependencies" esterne, è fondamentale creare un venv solo per lui. Per mettervi in condizione di creare i venv, avete bisogno per prima cosa del pacchetto Virtualenvwrapper-win.

Moduli Python aggiuntivi

Tuttavia, potrebbe non essere la scelta più saggia. Senza contare che non c'è assolutamente nessuna ragione di backuppare i venv, come vedremo. Valutate invece se non è più opportuno creare una directory nel drive d:, che molto spesso è una partizione con più spazio libero, e non coperta dai backup. Potete creare una variabile d'ambiente con la normale interfaccia di Windows se non sapete come si fa, cercate su Google qualcosa come "windows create environment variable"; per esempio, potete seguire queste istruzioni.

Infatti cmd. Adesso siete pronti a creare il vostro primo venv: lo chiameremo "test". Usate il comando deactivate per uscire dal venv, e workon test per rientrarvi. Se siete dentro il venv, quando invocate python dalla shell, state usando l'eseguibile che si trova nella directory del venv, e non quello "globale".

Quando lavorate nel contesto di un venv, potete fare tutto quello che normalmente fareste con la shell: cambiare directory, etc. Il contesto del venv è importante solo quando invocate l'eseguibile di Python.

Per una ragione che vi sarà più chiara tra poco, è importante notare che non bisognerebbe mai manipolare direttamente nulla, dentro la directory del venv creare o modificare file, etc. Il contenuto di un venv dovrebbe dipendere solo da Virtualenvwrapper-win e dai pacchetti che installerete con Pip.

Una nota per concludere: Virtualenvwrapper-win funziona solo con la shell cmd. Lavorare con Pip e i venv. Adesso che sapete creare i venv, potete usare Pip per installare pacchetti. Niente di difficile.

Scarica di moduli Python 3

Se adesso uscite dal venv, e provate di nuovo ad aprire una shell Python e importare Arrow, otterrete invece un ImportError. Come promesso, Arrow è stato installato solo nel venv, e non nel Python "globale". La stessa cosa, ovviamente, vale per i vostri script. Gli script Python si invocano dalla shell - è l'unico modo per passare eventuali argomenti allo script, per vedere il traceback degli errori se qualcosa va storto, etc. L'utilizzo dei venv, poi, costringe a usare la shell: facendo doppio clic, lo script viene interpretato dal Python "globale", e pertanto tutti i pacchetti installati nel venv non saranno disponibili, e lo script fallirà.

Il Python Package Index e pip

Un altra nota importante. Dalla versione 3. Purtroppo inizialmente py non si "accorgeva" dei venv: se lo usavate dentro un venv, py linkava comunque al Python "globale". Questo baco è stato corretto solo nella versione 3. La documentazione completa di Pip spiega nel dettaglio tutte le opzioni possibili. Le versioni correnti In linea di massima se devi iniziare da zero, ti consigliamo di scegliere Python 3, Cerchi moduli Python di terze parti?

In questa guida utilizzeremo Python 3.

È possibile scaricare liberamente lultima versione di Python 3 3. Valutazione: 4.


Articoli popolari: