Kurdistanonline.net

Kurdistanonline.net

SCARICARE MP3 LA CURA BATTIATO FRANCO

Posted on Author Akilmaran Posted in Software


    Contents
  1. Download Franco Battiato - Sentimiento nuevo №7352545
  2. La Cura Battiato Download Free Mp3 Song
  3. Franco Battiato
  4. Tablature di La cura di Battiato Franco

La Cura Battiato Download Free Mp3 Song. Franco Battiato - La Cura mp3. Quality: Good Download. La cura - Franco Battiato (versione inedita) con orchestra. Franco Battiato La Cura Testo download, Franco Battiato La Cura Testo موسيقى, Franco Battiato La Cura Testo تحميل. Franco Battiato download free mp3. 4, Franco Battiato - Centro Di Gravità Permanente, , 5, Franco 13, Franco Battiato - La Cura, , Scopri La Cura di Franco Battiato su Amazon Music. Ascolta senza pubblicità oppure acquista CD e MP3 adesso su kurdistanonline.net

Nome: mp3 la cura battiato franco
Formato:Fichier D’archive (mp3)
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 2.25 Megabytes

Noi e i nostri partner utilizziamo i cookie per fornire i nostri servizi in modo più rapido ed efficiente.

Utilizzando il nostro sito web l'utente accetta l'uso dei cookie come descritto nella nostra Politica sui cookie. Anteprima Guarda L'Alba. Anteprima Marinai, profeti e balene. Anteprima Il Bello. Inviare ad un dispositivo compatibile con Google Cast. Atlantide Live Live di Franco Battiato.

Una puntata che, come molte di questa trasmissione, bascula felicemente tra presente e passato. Al primo si ascrivono alcune novità di grande interesse a cominciare da Adolfo Durante, che abbina una voce particolarissima a una canzone scritta davvero bene, lo Stato Sociale, che si dà, almeno cinematograficamente al liscio, e soprattutto il nostro disco della settimana, opera seconda di Davide Viviani, un artista di cui sentiremo parlare molto, e bene.

E poi ancora i Verdena, con un pezzo che inizia acustico e poi vira alla grande verso il rock anni 70, e un curiosissimo pezzo di psicho-beat italiano, a tratti davvero acidissimo. Siete ancora in tempo: fatevi un regalo di Natale con le contropalle e portatevelo a casa, questo disco.

Apek, oltre a presentarci in anteprima radiofonica diverse belle canzoni del disco, in cui trovano spazio anche omaggi a figure simbolicamente potenti come Syd Barret la psichedelia inglese è un altro degli ingredienti musicali che sapientemente dosa Apek e il Grande Torino, ci ha anche portato alcune canzoni di artisti come De Gregori e Battiato, proposte che abbiamo, ovviamente, accolto a braccia aperte.

Sarà che è vero che poi alla fine la gente invecchia, e poi magari, volendo esagerare, muore, ma si resta sconcertati quando in poco più di un mese se ne vanno ben tre protagonisti, a diverso livello, della musica italiana degli ultimi decenni: dopo Mango e Pino Daniele ecco che se ne va Maurizio Arcieri, il bello del beat italiano con i New Dada ma anche uno sperimentatore della new wave elettronica con i suoi Krisma.

A lui abbiamo dedicato dovuto ricordo. Archiviato in Trasmissione. Vai al contenuto. Foto di gruppo con Sprassolato. Insomma, ancora una volta vi serviamo di barba e capello.

E quanti personaggi inutili ho indossato io e la mia persona quanti ne ha subiti arido é l'inferno sterile la sua via. Quanti miracoli, disegni e ispirazioni Passammo l'estate su una spiaggia solitaria e ci arrivava l'eco di un cinema all'aperto e sulla sabbia un caldo tropicale dal mare.

E nel pomeriggio quando il sole ci nutriva di tanto in tanto un grido copriva le distanze e l'aria delle cose diventava irreale. Mare mare mare voglio annegare portami lontano a naufragare via via via da queste sponde portami lontano sulle onde. A wonderful summer on a solitary beach against the sea le grand hotel "Cigar Magique" mentre lontano un minatore bruno tornava. Voglio vederti danzare come le zingare del deserto con candelabri in testa o come le balinesi nei giorni di festa.

Voglio vederti danzare come i Dervisches Tourners che girano sulle spine dorsali o al suono di cavigliere del Katakali. E gira tutt'intorno la stanza mentre si danza, danza e gira tutt'intorno la stanza mentre si danza.

E Radio Tirana trasmette musiche balcaniche, mentre danzatori bulgari a piedi nudi sui braceri ardenti. Nell'Irlanda del nord nelle balere estive coppie di anziani che ballano al ritmo di sette ottavi.

E gira tutt'intorno la stanza mentre si danza, danza.

E gira tutt'intorno la stanza mentre si danza. Nei ritmi ossessivi la chiave dei riti tribali regni di sciamani e suonatori zingari ribelli. Nella Bassa Padana nelle balere estive coppie di anziani che ballano vecchi Valzer Viennesi. Per te che di mattina torni a casa tua perché per strada più nessuno ha freddo e cerca più di te per te che metti i soldi accanto a lui che dorme e aggiungi ancora un po' d'amore a chi non sa che farne. Per te che di mattina svegli il tuo bambino e poi lo vesti lo accompagni a scuola e al tuo lavoro vai per te che un errore ti è costato tanto che tremi nel guardare un uomo e vivi di rimpianto.

Le teste maculate di feroci tigri per fartene tappeto le loro pelli? Sulle colline, fra il quarto e il quinto mese, io, per cacciare, da solo me ne andai. Se la mia carne cibo ti sarà, la mia pelle ti riscalderà e sarà il mio fegato che coraggio ti darà.

La casa sua il signore di Baux l'ha costruita sui sassi Passi di mille cavalieri segnano i suoi sentieri, veglian dall'alto nella notte gelidi i suoi pensieri Gemon nel sonno i suoi cani sognando della caccia, siede a banchetto la sua dama lo sguardo assorto Vai cercando qua, vai cercando là, ma quando la morte ti coglierà che ti resterà delle tue voglie?

Vanità di vanità.

Download Franco Battiato - Sentimiento nuevo №7352545

Sei felice, sei, dei pensieri tuoi, godendo solo d'argento e d'oro, alla fine che ti resterà? Vai cercando qua, vai cercando là, seguendo sempre felicità, sano, allegro e senza affanni Se ora guardi allo specchio il tuo volto sereno non immagini certo quel che un giorno sarà della tua vanità.

Tutto vanità, solo vanità, vivete con gioia e semplicità, state buoni se potete Tutto vanità, solo vanità, lodate il Signore con umiltà, a lui date tutto l'amore, nulla più vi mancherà. Ed apparvero le acque sulla terra fertile ed un falco che volava nelle notti di luna e dal grembo di una donna pure io con il codice del tuo sentimento con la forza nella voce per parlare di Tuo Figlio.

Con un magico volo ti abbassi ai confini del mondo e riveli la tua immagine. Il mio corpo appartiene alla terra ed il sole che contiene è un tuo riflesso. Pia, sovrana, attraverso le nubi giunge una voce. Tutta la terra e la vita custodisco in silenzio, dolcemente, per sempre. Nomadi che cercano gli angoli della tranquillità nelle nebbie del nord e nei tumulti delle civiltà tra i chiari scuri e la monotonia dei giorni che passano, camminatore che vai cercando la pace al crepuscolo la troverai alla fine della strada.

Lungo il transito dell'apparente dualità la pioggia di settembre risveglia i vuoti della mia stanza ed i lamenti della solitudine si prolungano come uno straniero non sento legami di sentimento. I viandanti vanno in cerca di ospitalità nei villaggi assolati e nei bassifondi dell'immensità e si addormentano sopra i guanciali della terra, forestiero che cerchi la dimensione insondabile.

La troverai, fuori città alla fine della strada. Nuvole bianche veloci nel vento attraversano i mari della relatività, le associazioni abituali della mente, le esigenze ereditate dall'antichità, i clamori quotidiani delle metropoli che annullano ogni senso. Nuvole bianche attraversano costellazioni di cemento. Viaggiano in alto al di sopra del maestrale oltre gli orizzonti della vanità.

Hanno capito che le arti marziali non liberano l'etere del cuore dalla falsità dei piaceri clandestini di un occidente nell'impero dell'oblio. Nuvole bianche vivono agli antipodi del dio della città dell'io. Nuvole si evolvono e poi si disperdono nuvole, vivono nel mondo ma non sono del mondo. Nuvole bianche senza radici sul versante del silenzio Nuvole si evolvono e poi si disperdono nuvole, vivono nel mondo ma non sono del mondo.

Nuvole, nuvole…. Son diventato sai il tramonto di sera e parlo come le foglie d'aprile e vibro dentro ad ogni voce sincera e con gli uccelli vivo il canto sottile e il mio discorso più bello e più denso esprime con il silenzio il suo senso.

Io quante cose non avevo capito che sono chiare come stelle cadenti e devo dirti che è un piacere infinito portare queste mie valigie pesanti Mi manchi tanto amico caro davvero e tante cose son rimaste da dire ascolta sempre solo musica vera e cerca sempre se puoi di capire.

Io non so parlar d'amore l'emozione non ha voce e mi manca un po' il respiro se ci sei c'è troppa luce la mia anima si spande come musica d'estate poi la voglia sai mi prende e mi accende con i baci tuoi. Tra le mie braccia dormirai serenamente ed è importante questo sai per sentirci pienamente noi. Un'altra vita mi darai che non conosco la mia compagna tu sarai fino a quando so che lo vorrai.

La Cura Battiato Download Free Mp3 Song

Due caratteri diversi prendon fuoco facilmente ma divisi siamo persi ci sentiamo quasi niente. Siamo due legati dentro da un amore che ci da la profonda convinzione che nessuno ci dividerà.

Noi vivremo come sai solo di sincerità, di amore e di fiducia poi sarà quel che sarà. Ucciso sui monti di Trento dalla mitraglia. Andrea coglieva, raccoglieva violette ai bordi del pozzo Andrea gettava riccioli neri nel cerchio del pozzo Il secchio gli disse, gli disse: "Signore il pozzo è profondo più fondo del fondo degli occhi della Notte del Pianto" Lui disse "Mi basta mi basta che sia più profondo di me".

Lui disse "Mi basta mi basta che sia più profondo di me". Quando la luna perde la lana e il passero la strada quando ogni angelo è alla catena ed ogni cane abbaia prendi la tua tristezza in mano e soffiala nel fiume vesti di foglie il tuo dolore e coprilo di piume. Sopra ogni cisto da qui al mare c'è un po' dei miei capelli sopra ogni sughera il disegno di tutti i miei coltelli l'amore delle case l'amore bianco vestito io non l'ho mai saputo e non l'ho mai tradito.

Mio padre un falco mia madre un pagliaio stanno sulla collina i loro occhi senza fondo seguono la mia luna notte notte notte sola sola come il mio fuoco piega la testa sul mio cuore e spegnilo poco a poco. Se ti tagliassero a pezzetti il vento li raccoglierebbe il regno dei ragni cucirebbe la pelle e la luna tesserebbe i capelli e il viso e il polline di Dio di Dio il sorriso.

Ti ho trovata lungo il fiume che suonavi una foglia di fiore che cantavi parole leggere, parole d'amore ho assaggiato le tue labbra di miele rosso rosso ti ho detto dammi quello che vuoi, io quel che posso. Persa per molto persa per poco presa sul serio presa per gioco non c'è stato molto da dire o da pensare la fortuna sorrideva come uno stagno a primavera spettinata da tutti i venti della sera. T'ho incrociata alla stazione che inseguivi il tuo profumo presa in trappola da un tailleur grigio fumo i giornali in una mano e nell'altra il tuo destino camminavi fianco a fianco al tuo assassino.

Ma se ti tagliassero a pezzetti il vento li raccoglierebbe il regno dei ragni cucirebbe la pelle e la luna la luna tesserebbe i capelli e il viso e il polline di Dio di Dio il sorriso. Mentre attraversavo London Bridge un giorno senza sole vidi una donna pianger d'amore, piangeva per il suo Geordie.

Impiccheranno Geordie con una corda d'oro, è un privilegio raro. Sellate il suo cavallo dalla bianca criniera sellatele il suo pony cavalcherà fino a Londra stasera ad implorare per Geordie. Salvate le sue labbra, salvate il suo sorriso, non ha vent'anni ancora cadrà l'inverno anche sopra il suo viso, potrete impiccarlo allora.

All'ombra dell'ultimo sole s'era assopito un pescatore aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso. Venne alla spiaggia un assassino due occhi grandi da bambino due occhi enormi di paura eran gli specchi di una avventura.

E chiese al vecchio dammi il pane ho poco tempo e troppa fame e chiese al vecchio dammi il vino ho sete e sono un assassino.

E fu il calore di un momento poi via di nuovo verso il vento davanti agli occhi ancora il sole dietro le spalle un pescatore. Ma all'ombra dell'ultimo sole s'era assopito il pescatore aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso e aveva un solco lungo il viso come una specie di sorriso.

Ricordi sbocciavan le viole con le nostre parole "Non ci lasceremo mai, mai e poi mai". L'amore che strappa i capelli è perduto ormai, non resta che qualche svogliata carezza e un po' di tenerezza.

E quando ti troverai in mano quei fiori appassiti al sole di un aprile ormai lontano, li rimpiangerai. Ma sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato, per un amore nuovo. E sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato, per un amore nuovo.

Lascia che sia fiorito, Signore, il suo sentiero quando a te la sua anima e al mondo la sua pelle dovrà riconsegnare quando verrà al tuo cielo là dove in pieno giorno risplendono le stelle. Quando attraverserà l'ultimo vecchio ponte ai suicidi dirà baciandoli alla fronte venite in Paradiso là dove vado anch'io perché non c'è l'inferno nel mondo del buon Dio.

Franco Battiato

Fate che giunga a Voi con le sue ossa stanche seguito da migliaia di quelle facce bianche fate che a voi ritorni fra i morti per oltraggio che al cielo ed alla terra mostrarono il coraggio.

Signori benpensanti spero non vi dispiaccia se in cielo, in mezzo ai Santi Dio, fra le sue braccia soffocherà il singhiozzo di quelle labbra smorte che all'odio e all'ignoranza preferirono la morte. Dio di misericordia il tuo bel Paradiso lo hai fatto soprattutto per chi non ha sorriso per quelli che han vissuto con la coscienza pura l'inferno esiste solo per chi ne ha paura. Meglio di lui nessuno mai ti potrà indicare gli errori di noi tutti che puoi e vuoi salvare.

Ascolta la sua voce che ormai canta nel vento Dio di misericordia vedrai, sarai contento. Dio di misericordia vedrai, sarai contento. Vicino alle roulottes trovai Pilar dei meli bocca sporca di mirtilli un coltello in mezzo ai seni.

Seduto sotto un ponte si annusava il re dei topi sulla srada le sue bambole bruciavano copertoni. Sdraiato sotto il ponte si annusava il re dei topi sulla strada le sue bambole adescavano i signori. Quando hanno aperto la cella era già tardi perché con una corda sul collo freddo pendeva Michè.

Stanotte Michè s'è impiccato a un chiodo perché non voleva restare vent'anni in prigione lontano da te. Io so che Michè ha voluto morire perché ti restasse il ricordo del bene profondo che aveva per te. Se pure Michè non ti ha scritto spiegando perché se n'è andato dal mondo tu sai che l'ha fatto soltanto per te.

Nel buio Michè se n'è andato sapendo che a te non poteva mai dire che aveva ammazzato perché amava te. Domani alle tre nella fossa comune cadrà senza il prete e la messa perché d'un suicida non hanno pietà. Domani Michè nella terra bagnata sarà e qualcuno una croce col nome la data su lui pianterà.

Fante di cuori che è un fuoco di paglia volta la carta il gallo ti sveglia. Madamadorè ha perso sei figlie tra i bar del porto e le sue meraviglie Madamadorè sa puzza di gatto volta la carta e paga il riscatto, paga il riscatto con le borse degli occhi piene di foto di sogni interrotti Angiolina ritaglia giornali si veste da sposa e canta vittoria chiama i ricordi col loro nome volta la carta e finisce in gloria, chiama i ricordi col loro nome volta la carta e finisce in gloria.

Guarda le mani, guardale il viso sembra venuta dal Paradiso, guarda le forme, la proporzione, sembra venuta per Tentazione.

Guardala, guardala, scioglie i capelli, sono più lunghi dei nostri mantelli, guarda le mani, guardale il viso, sembra venuta dal paradiso. Guardale gli occhi, guarda i capelli, guarda le mani, guardale il collo, guarda la carne, guarda il suo viso, guarda i capelli del paradiso.

Guarda la carne, guardale il collo, sembra venuta dal suo sorriso, guardale gli occhi, guarda la neve guarda la carne del paradiso.

Stelle, già dal tramonto, si contendono il cielo a frotte, luci meticolose nell'insegnarti la notte. Un asino dai passi uguali, compagno del tuo ritorno, scandisce la distanza lungo il morire del giorno.

Ai tuoi occhi, il deserto una distesa di segatura, minuscoli frammenti della fatica della natura. Gli uomini della sabbia hanno profili da assassini, rinchiusi nei silenzi d'una prigione senza confini.

Odore di Gerusalemme, la tua mano accarezza il disegno d'una bambola magra, intagliata nel legno. E a te, che cercavi il motivo d'un inganno inespresso dal volto, lei propose l'inquieto ricordo tra i resti d'un sogno raccolto.

Le ombre lunghe dei sacerdoti, costrinsero il sogno in un cerchio di voci. Con le ali di prima pensai di scappare ma il braccio era nudo e non seppi volare:.

E la parola ormai sfinita si sciolse in pianto, ma la paura dalle labbra si raccolse negli occhi semichiusi nel gesto d'una quiete apparente che si consuma nell'attesa d'uno sguardo indulgente. E te ne vai, Maria, fra l'altra gente che si raccoglie intorno al tuo passare, siepe di sguardi che non fanno male nella stagione di essere madre.

Tablature di La cura di Battiato Franco

Sai che fra un'ora forse piangerai poi la tua mano nasconderà un sorriso gioia e dolore hanno il confine incerto nella stagione che illumina il viso. Ave Maria, adesso che sei donna, ave alle donne come te, Maria, femmine un giorno per un nuovo amore povero o ricco, umile o Messia. Femmine un giorno e poi madri per sempre nella stagione che stagioni non sente.

Maria: Falegname col martello perché fai den den? Con la pialla su quel legno perché fai fren fren? La gente: Alle tempie addormentate di questa città pulsa il cuore d'un martello, quando smetterà? Falegname, su quel legno, quanti colpi ormai, quanto ancora con la pialla lo assottiglierai? Maria: Alle piaghe, alle ferite che sul legno fai, falegname su quei tagli manca il sangue, ormai, perché spieghino da soli, con le loro voci, quali volti sbiancheranno sopra le tue croci.

La gente: Dalla strada alla montagna sale il tuo den den ogni valle di Giordania impara il tuo fren fren; qualche gruppo di dolore muove il passo inquieto, altri aspettan di far bere a quelle seti aceto. Poterti smembrare coi denti e le mani, sapere i tuoi occhi bevuti dai cani, di morire in croce puoi essere grato a un brav'uomo, di nome Pilato.

Ben più della morte che oggi ti vuole, t'uccide il veleno di queste parole le voci dei padri di quei neonati, da Erode, per te, trucidati. Nel lugubre scherno degli abiti nuovi misurano a gocce il dolore che provi trent'anni hanno atteso,col fegato in mano, i rantoli d'un ciarlatano.

La semineranno per mare e per terra tra boschi e città la tua buona novella, ma questo domani, con fede migliore, stasera è più forte il terrore. Nessuno di loro ti grida un addio per essere scoperto cugino di Dio gli apostoli han chiuso le gole alla voce, fratello che sanguini in croce. Han volti distesi, già inclini al perdono, ormai che han veduto il tuo sangue di uomo fregiarti le membra di rivoli viola, incapace di nuocere ancora.

Il potere, vestito d'umana sembianza, ormai ti considera morto abbastanza e già volge lo sguardo a spiar le intenzioni degli umili, degli straccioni. Ma gli occhi dei poveri piangono altrove, non sono venuti a esibire un dolore che alla via della croce ha proibito l'ingresso a chi ti ama come se stesso. Son pallidi al volto, scavati al torace, non hanno la faccia di chi si compiace dei gesti che ormai ti propone il dolore eppure hanno un posto d'onore.

Non hanno negli occhi scintille di pena, non sono stupiti a vederti la schiena piegata dal legno che a stento trascini, eppure ti stanno vicini. Perdonali se non ti lasciano solo, se sanno morire sulla croce anche loro, a piangerli sotto non han che le madri, in fondo, son solo due ladri.

Madre di Tito: - Tito, non sei figlio di Dio ma c'è chi muore nel dirti addio. Madre di Dimaco: - Dimaco, ignori chi fu tuo padre ma più di te muore tua madre. Le due madri: - Con troppe lacrime piangi, Maria solo l'immagine di un'agonia: sai che alla vita, nel terzo giorno, il figlio tuo farà ritorno: lascia a noi piangere, un po' più forte, chi non risorgerà più dalla morte. Figlio nel sangue, figlio nel cuore e chi ti chiama "Nostro Signore" nella fatica del tuo sorriso cerca un ritaglio di paradiso.


Articoli popolari: